Logotipo English

Le vigne

La nostra terra

È stata una dedizione appassionata quella con cui abbiamo rinnovato i nostri vigneti. La superficie vitata dell'azienda, circa 20 ettari, è stata integralmente rinnovata nel periodo tra il 1996 ed il 2005. Il nostro fine ultimo è quello di presentarVi un grande vino e per fare questo siamo partiti dalle radici. Abbiamo insistito su numero di ceppi per ettaro mediamente di 5.000 unità, con l'obiettivo di minimizzare lo sforzo delle piante e massimizzare l'assorbimento di sostanze nutritive dal terreno da parte di queste.


 

Secondo nostri studi e considerazioni, il Sangiovese, che rappresenta la grandissima parte delle nostre vigne, necessita di almeno un metro quadro di sviluppo fogliare per raggiungere il perfetto equilibrio in coerenza con le caratteristiche del nostro micro-clima. Inoltre ricerchiamo una bassa resa per pianta, massimo 70 quintali per ettaro, con tutti i vantaggi che questo apporta alla sana maturazione del grappolo ed al raggiungimento della dovuta armonia tra acidità e grado zuccherino per esaltare al massimo i profumi e i sapori del vino.

 

È una logica volta ad ottenere il migliore rendimento possibile a livello qualitativo dai nostri terreni. All'interno della proprietà i terreni hanno una composizione eterogenea. Una composizione mista di terreno sassoso e argilloso permette di avere un drenaggio equilibrato in grado di bilanciare gli effetti di stagioni troppo aride o troppo piovose sulla produzione. La piantagione delle nostre vigne ha richiesto un intenso lavoro preliminare di preparazione del terreno.
Questo lavoro in alcuni casi è andato oltre l'esecuzione dell'attività di scasso, richiedendo un'attenta rimozione dal terreno di molti metri cubi di sassi e pietre per non pregiudicare la futura lavorabilità del vigneto. La piantagione è stata quindi eseguita a macchina mediante un sistema di guida direzionale a laser per seguire il dislivello naturale del terreno in coerenza con gli squadri eseguiti.

Il nostro piano di campagna si propone di curare il vigneto attraverso la cura del terreno e della pianta. Svolgiamo lavorazioni invernali ed estive sul terreno per mantenere la giusta scheletratura di questo e consentire di bilanciare gli eccessi del gelo in inverno e dell'arsura in estate.

Sulla pianta interveniamo inizialmente con la potatura secca, per lasciare sulla vite il giusto numero di gemme, indispensabile per potere poi ottenere quella bassa resa coerente con le nostre aspettative qualitative. Successivamente alterniamo sulle piante interventi come la spollonatura, la scopertura ma soprattutto la potatura e la vendemmia verde. Tutte queste operazioni sono svolte sul vigneto al fine di tenere sotto controllo la vegetazione della pianta ed ottenere i più adeguati rendimenti quantitativi a vantaggio della qualità La vendemmia avviene solitamente alla fine del mese di settembre.
 

Le cantine

Le nostre cantine ospitano la lavorazione dei nostri vini. Sono ricavate nelle antiche strutture di Luiano e sono state oggetto negli ultimi anni di numerosi investimenti finalizzati sia all'introduzione di nuove tecniche di lavorazione sia all'incremento della qualità del processo di lavoro.


La Vinificazione avviene in vasche e tini di piccole dimensioni in cantine di antica costruzione recentemente ristrutturate e riportate a nuovo. La capacità massima dei vasi vinari coinvolti nel processo è di 100 Hl, dimensioni selezionate per consentirci il controllo della temperatura.? Le Cantine di Invecchiamento sono ricavate nei sotterranei della Villa quattrocentesca. L'invecchiamento è affidato ad un utilizzo bilanciato di differenti tipologie di vasi vinari, in particolare, legno piccolo, barriques in rovere francese di tipo allier, e legno grosso, botti di maggiore capacità.?La fase finale della lavorazione avviene in una cantina dedicata, con vasi vinari appositamente dedicati allo stoccaggio ed all'affinamento dei vini, preliminarmente all'imbottigliamento.

La linea di Imbottigliamento e confezionamento è stata rinnovata integralmente nel corso del 2004. I cambiamenti sono stati svolti per incrementare sia la qualità del processo che del prodotto finito. Una volta imbottigliato, il vino affina nei locali di stoccaggio fino al raggiungimento della dovuta maturità.

Nello svolgimento dei nostri processi di lavoro abbiamo istituito un sistema di punti di controllo, di rilevazione e registrazione volto all'ottenimento della miglior qualità dei processi, ad al perseguimento della tracciabilità di prodotto e di filiera, ed al rispetto dell'autocontrollo HACCP.